Username:
Password:
Entra
Cerca
area riservata
cerca nel sito
News

Quali diritti ai figli dei separati?

13 NOV 2018

L’Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza ha presentato a Roma, agli inizi di ottobre, la Carta dei diritti dei figli nella separazione dei genitori”. L’AGIA è un organismo, nato con la Legge 12 luglio 2011, n.12, ha lo scopo di tutelare i diritti e gli interesse delle persone di minore età, in omaggio alla Convenzione di New York sui Diritti del Fanciullo.

La Carta, che si articola in dieci punti, è stata formulata grazie allo studio di un’apposita commissione formata da giuristi, psicologi, pedagogisti, sociologi. Al fianco di questi esperti del settore, l’Agia ha però voluto costituire anche una Consulta dei ragazzi, formata da diciotto membri al di sotto dei 18 anni (9 maschi e 9 femmine), che rappresentasse la voce dei figli delle coppie in separazione. Nella Carta dei Diritti dei Figli, non si parla il freddo linguaggio delle norme giuridiche, ma il linguaggio del cuore, quello che, pur comprendendo le difficoltà che la coppia genitoriale può incontrare nel gestire la separazione, ricorda a questi stessi adulti l’importanza di tenere a mente il benessere dei propri figli, in una fase così delicata per la vita di tutto il nucleo familiare. Si va, così, dal riconoscimento del diritto dei figli a non essere coinvolti nel conflitto dei loro genitori e a non subire pressioni da parte loro o di altri parenti, al diritto di essere liberi di continuare a voler bene ad entrambi i genitori e a manifestare il loro amore senza paura di ferire o offendere l’uno o l’altro. C’è il riconoscimento del diritto dei figli ad essere informati di quanto sta accadendo, senza però essere trascinati nelle questioni di carattere economico, il diritto a comprendere e condividere insieme con i genitori le decisioni che li riguarderanno, ma anche il diritto alla leggerezza e alla spensieratezza, il diritto di continuare a vivere la propria età senza essere travolti dalla sofferenza degli adulti e senza il dover diventare i confidenti o i consolatori dei propri genitori.

C’è il diritto al rispetto dei loro tempi per abituarsi al cambiamento o per accettare nuovi fratelli o nuovi partner, il diritto di essere arrabbiati, tristi, di stare male o di aver paura e di poter esprimere liberamente le proprie emozioni senza sentirsi dire che andrà tutto bene. Pensata e scritta con la semplicità e immediatezza del linguaggio dei bambini, questa Carta è una voce che vuole arrivare al cuore degli adulti con quella potenza e autenticità di cui a volte solo i bambini sono capaci.

Per scaricare la Carta dei diritti dei figli nella separazione dei genitori 

CLICCA QUI   

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK

Loading…