Username:
Password:
Entra
Cerca
area riservata
cerca nel sito
Notizie

Il Consulente Familiare e il Green Pass

03 SET 2021

 

COMUNICAZIONE AICCEF SULLA CERTIFICAZIONE VERDE COVID 19

In relazione all'utilizzo  del Green Pass nelle attività professionali del Consulente Familiare® pubblichiamo il parere legale del nostro Segretario in merito alla richiesta della Certificazione verde ai clienti.

 

PARERE

Molti colleghi, in questo periodo,  hanno posto all’AICCeF il quesito se la normativa sull’uso del Certificato di vaccinazione o green pass investa in qualche modo l’attività professionale del Consulente della coppia o della famiglia.

Al riguardo il Decreto Legge  23 luglio 2021, n. 105,  (Misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19 e per l'esercizio in sicurezza di attività sociali ed economiche), oltre a prorogare lo stato di emergenza sanitaria nazionale al 31 dicembre prossimo, adotta misure drastiche a tutela della salute pubblica.

In particolare stabilisce che, a decorrere dal 6 agosto, l’accesso a determinati servizi ed attività è consentito solo a chi possiede la Certificazione verde Covid19, o Green pass.

L’art. 3 elenca le attività coinvolte nell’obbligo di esibizione del Green pass:

a) servizi di ristorazione svolti da qualsiasi  esercizio, al chiuso;

b)  spettacoli aperti al  pubblico,  eventi  e   competizioni sportive;

c) musei, altri istituti e luoghi della cultura e mostre;

d) piscine, palestre, sport di squadra, centri benessere, limitatamente alle attività' al chiuso;

e) sagre e fiere, convegni e congressi;

f) centri termali, parchi tematici e di divertimento;

g) centri  culturali,  centri  sociali  e  ricreativi , limitatamente alle attivita' al chiuso;

h) attivita' di  sale  gioco,  sale  scommesse,  sale  bingo  casinò;

i) concorsi pubblici.

Con l’ulteriore Decreto legge del 6 agosto 2021, n. 111), il Governo ha emanato un altro provvedimento per affrontare e gestire l’emergenza pandemica, con il quale ha reso obbligatorio l’uso della Certificazione verde Covid19, Green pass,  per la messa in sicurezza delle attività scolastiche, di quelle universitarie  e dei trasporti, a decorrere dal 1° settembre 2021.

Come si nota, nessun accenno alle attività professionali svolte in luoghi chiusi, come studi individuali o associati, che continuano la loro attività adottando le cautele precedenti (sanificazioni, distanziamento, mascherine, ecc.), ma senza essere coinvolte nell’utilizzo obbligatorio del Green pass.

Ciò vuol dire che i clienti del Consulente familiare, libero professionista, non sono obbligati ad esibire la Certificazione verde Covid 19 per accedere agli studi professionali, individuali o associati, e per effettuare percorsi di consulenza individuali, di coppia e di famiglia.

Diversa è la situazione dei professionisti che esercitano la loro attività, in forma dipendente o volontaria, presso Centri consulenze, Consultori pubblici o privati. In questo caso bisognerebbe distinguere le attività strettamente professionali da quelle di natura culturale e formativa (art.3 del D.L 105), che si svolgono al chiuso in quelle strutture.

In tali casi, tuttavia, trattandosi di attività svolte dal Consulente Familiare sotto le direttive e la responsabilità del legale rappresentante della struttura, il professionista dovrà attenersi alle linee guida emanate da quest’ultimo.

                                                                                        Avv. Maurizio Qualiano

                                                                                     SEGRETARIO dell' AICCeF

           

 

                                                                                

 

Loading…