Username:
Password:
Entra
Cerca
area riservata
cerca nel sito
Notizie

Seminario di aggiornamento Supervisori

22 SET 2018

Si svolge a Bologna il 22 e 23 settembre, il seminario annuale di aggiornamento per Consulenti Supervisori Aiccef.

Quest'anno il tema di approfondimento, presentato dalla Presidente Rita Roberto, è stato: Sviluppare la competenza relativa alla diversità nel lavoro di consulenza familiare e in supervisione.

 La competenza relativa alla diversità , nel lavoro di consulenza e supervisione, è una capacità essenziale, che può migliorare in maniera decisiva la qualità della consulenza e della relazione in équipe. Essere sensibili alla varietà delle persone clienti, così come dei colleghi, e alle loro situazioni di vita significa riconoscere l’individualità e la differenza e su questa base sviluppare strategie non giudicanti e adeguate alla persona /coppia/famiglia che ci chiede aiuto.

 
 
 Allo sviluppo delle competenze relative alla diversità, ha spiegato la conduttrice, appartengono anche specifici modi di vedere e personali atteggiamenti, che si annoverano tra le grosse sfide da affrontare a livello personale, per chi lavora nell’ambito della consulenza familiare:
- sviluppare un atteggiamento di apertura e interesse per l’altra/l’altro, invece di porre delle condizioni: “Se non si leva il chador, è difficile che trovi un lavoro!”
- avere la disponibilità a entrare in relazione con mondi ed esperienze estranei e tenerne conto nel lavoro di consulenza familiare.
non giudicare o svalutare subito comportamenti per noi estranei o che ci disorientano: “Ma non lo sa , quella, come si usa qui?/ Ha con me un appuntamento, entra e non mi stringe la mano che le tendo!!!”/ “ io proprio non posso capire gli omosessuali che chiedono di adottare un bambino”….
- scoprire dei punti di forza nei modelli di comportamento delle culture estranee alla nostra, che dal nostro punto di vista non hanno significato e perciò vengono tralasciati facilmente.
 
Se i consulenti, con l’aiuto del supervisore, imparano a comprendere gli schemi mentali che stanno alla base dell’agire di “persone clienti” diversi da loro, possono interpretare in modo nuovo le proprie osservazioni e dare loro un senso diverso rispetto al passato. La conoscenza di tali schemi, modi di comportarsi e progetti di vita delle persone clienti o dei colleghi di équipe e dei responsabili delle strutture aiuta molti consulenti a comprendere queste persone in modo diverso e a rapportarsi con loro in modo diverso.
 
 
 
Il seminario è continuato con l’illustrazione del passaggio dal Modello normativo al Modello pluralista di intervento in Equipe.
 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK

Loading…